Lettori fissi

lunedì 4 febbraio 2013

Pappa al pomodoro


Lo diceva anche Gianburrasca...Viva la pa-pa-pappa col po-po-po-po-po-po-pomodoro... ed io tutte le volte che cucino la pappa mi sento una vera massaia toscana!
Che dire, non che sia una ricetta particolarmente complicata, anzi, serve proprio quando abbiamo del pane da riciclare in qualche modo..e va comunque bene per stupire gli ospiti con una ricetta ricca di tradizione oltre che di gusto.

Per questa ricetta la canzone che ho scelto mi sembra quasi obbligata: "Viva la pappa col pomodoro", una canzone che tutti abbiamo cantato quando eravamo piccoli e che continuiamo a cantare ancora oggi quando ci troviamo davanti ad un bel piatto di pappa...ammettiamolo!

Ingredienti (per 4 persone ):
250 gr di pane raffermo
400 gr di pomodori pelati
2 spicchi di aglio
basilico q.b
1 litro di brodo vegetale ( va bene anche il brodo di dado)
olio di oliva q.b
sale
pepe nero in grani

Preparazione:
In una casseruola fate rosolare in 6 cucchiai di olio i 2 spicchi di aglio tagliati a metà; appena iniziano a prendere colore unire i pomodori e il basilico ( per il basilico andate ad olfatto, nel senso che la ricetta richiede abbondante basilico ma ognuno va a suo gusto e piacimento, l'importante è che la pappa odori di basilico), aggiungete sale e pepe e fate cuocere per 20-25 minuti.
Quando vedete che la pappa inizia a ritirare versate il brodo caldo e quando il tutto rinizia a bollire aggiungete il pane precedentemente tagliato a fettine sottili e fate cuocere per circa 10 minuti girando spesso e cercando di spappolare il pane il più possibile.
Lasciate riposare per circa 1 ora, mescolando ogni tanto, e semmai riscaldatela appena al momento di servirla guarnendola con un filo d'olio, un pizzico di pepe macinato e qualche foglia di basilico fresco.