Lettori fissi

lunedì 4 febbraio 2013

Castagnaccio modificato

La ricetta ideale per una fredda sera d'inverno quando avete un pacchetto di farina di castagne che vi guarda da settimane? Il castagnaccio!
Personalmente non sono un'adoratrice del castagnaccio, credo di essere l'unica in Toscana, ma lo trovo noioso, sa di poco, è poco goloso..va bene essere tradizionali ma con un po' di golosità no?
Allora ho pensato bene di modificare la ricetta originale del castagnaccio tratta dal libro di Paolo Petroni ( "Il grande libro della vera cucina toscana") e renderla un attimino più golosa con qualche goccia di cioccolato e mandorle!

Ingredienti:
- 300 gr di farina dolce di castagne
- 3 cucchiai di zucchero
- 1 arancia
- uvetta messa ad ammollare nell'acqua
- gocce di cioccolato q.b ( a seconda del grado di cioccolosità desiderato)
- rosmarino
-olio di oliva
- 1 pizzico di sale
-mandorle pelate e tritate

Preparazione:
Setacciate la farina dolce e mettetela in una zuppiera; aggiungete lo zucchero, il pizzico di sale, la scorza dell'arancia grattugiata e mezzo litro di acqua mescolando bene in modo che non ci siano grumi.
Aggiungere al composto 2 cucchiai di olio di oliva e lasciar riposare per 1 ora.
Dopo l'attesa ungete la teglia tonda ( vanno benissimo anche le teglie della Cuki), versate le gocce di cioccolato nell'impasto del castagnaccio e rovesciate il tutto nella teglia.
Cospargete la superficie con foglioline di rosmarino, con l'uvetta e con le mandorle tritate. Irrorate il tutto con 4 cucchiai di olio e cuocere in forno caldo a 200°C per 45 minuti circa, finchè la superficie del castagnaccio non inizierà a coprirsi di crepe.

Il castagnaccio è  buono al naturale o con un po' di ricotta di pecora ( come i miei amatissimi necci )